Indie game storeFree gamesFun gamesHorror games
Game developmentAssetsComics
SalesBundles
Jobs

Geecko on the Wall

323
Posts
63
Topics
148
Followers
372
Following
A member registered May 17, 2016 · View creator page →

Creator of

Recent community posts

Ottimo! Te lo auguro. Domani mattina si inizia. 😉

(2 edits)

Penso che mi sia uscita, un po’ per caso, o una meccanica brutta e imperfetta da usare altrove, o un gioco in solitario brutto e imperfetto che, come “controindicazione”, ti insegna a fare una gassa d’amante. Se leggi la risposta al commento di Davide (121 Games), qui sotto, credo che capirai anche come mai.

(1 edit)

Per prima cosa, grazie per il tuo commento e per i tuoi spunti di riflessione.

Secondariamente, ti segnalo che il link che mi hai passato non porta da nessuna parte ma, con un po’ di uso sapiente di Google, ho trovato comunque il formato che volevi segnalarmi. Che dire? Da una parte, sarebbe sicuramente carino; dall’altra ci vedo due problemi:

  1. sicuramente costerebbe di più produrlo;
  2. sarebbe una citazione colta solo da chi conosce la fonte e, per dire, io non la conoscevo.

Per quanto riguarda la domanda che mi poni, sinceramente, non è un problema che mi sono posto. In fondo è un giochino semplice e banale, che ho scritto in pochissimo tempo. Ci sta che, con una meccanica così semplice e poco strutturata, la rigiocabilità di questa meccanica sia, per forza di cose, molto bassa. Ma spingo il discorso persino oltre: forse quello della rigiocabilità in sé è un idolo che possiamo anche sacrificare.

(3 edits)

🇬🇧

Last year I participated with Sonata purpurea, a mystery I had started to conceive and write in 2018.

This year I have three options:

  1. Continue developing Sonata purpurea. Playtest it again, go through all the stages of rewriting the mystery, layout it better, figure out if and how to illustrate it, figure out if and how to publish it outright.
  2. Start writing a new mystery on my own. I have no shortage of ideas for new mysteries, fortunately.
  3. Work as a team with someone else. I could propose it to a friend of mine who doesn’t roleplay, affiliate with some friends who do roleplay or join someone I don’t know, even a novice.

For now, I’m leaning towards the first or second option, mainly because I work better alone than in a company, but I don’t feel like discarding any possibilities yet.

* * *

🇮🇹

L’anno scorso ho partecipato con Sonata purpurea, un mistero che avevo iniziato a ideare e scrivere nel 2018.

Quest’anno ho tre opzioni:

  1. Continuare a sviluppare Sonata purpurea. Playtestarlo ancora, passare tutte le fasi della riscrittura del mistero, impaginarlo meglio, capire se e come illustrarlo, capire se e come pubblicarlo in via definitiva.
  2. Cominciare a scrivere un nuovo mistero da solo. Le idee per i nuovi misteri, fortunatamente, non mi mancano.
  3. Lavorare in squadra con qualcun altro. Potrei proporlo a un mio amico che non gioca di ruolo, affiliarmi a qualche amico che gioca di ruolo, o unirmi a qualcuno che non conosco, anche alle prime armi.

Per ora propendo per la prima o per la seconda opzione, principalmente perché lavoro meglio da solo che in compagnia, ma non mi sento ancora di scartare alcuna possibilità.

(7 edits)

🇬🇧

Where can I buy Cthulhu Dark, 2nd edition?

You can buy the game in print or digital format from Indie Press Revolution. If you live in Europe, you can easily cut shipping costs by buying the game from Sphärenmeisters Spiele.

I would like to participate, but I don't know if I will have the time, the constancy or the skills to do so. What do you recommend?

While participating in the jam is not a legal requirement and you should only do it if you feel comfortable, I suggest you open a topic in the community and ask if anyone else would like to participate in a team with you.

Can I start collecting ideas and writing the mystery now or do I have to wait until the jam officially starts?

If you need more time, you can start working right away, but you can only submit your mystery once the jam has officially started.

I have an old mystery written for the first edition of Cthulhu Dark, another Cthulhu Mythos game, or another investigative role-playing game. Can I “convert” it and still join the jam?

Yes, just follow the procedures explained in Cthulhu Dark, 2nd edition, in the “Writing a mystery” and “Rewriting the mystery” sections (pages 27-39).

The mystery must be set in Italy, but am I required to use a real existing place or can I create a fictitious place?

You can definitely create a fictitious place, as long as it is located in Italy.

I won’t have time to translate the mystery into another language. Can I participate with a mystery written only in one language?

Yes, you can. The important thing is that you write your mystery. If your language is less accessible than others it is not important: my intention is to break down the barriers that tell people that they cannot write mysteries. I don’t want people to feel the pressure to participate in a language other than their mother tongue if they don’t want to.

I wrote a mystery with over 10,000 words. Am I out of the jam or can I still participate?

There is no rule about the length of mysteries: the limit of 10,000 words is my advice not to be too verbose. The four mysteries in Cthulhu Dark’s manual measure 6,890, 10,371, 7,330, and 7,307 words respectively. I’m sure you can easily write intriguing mysteries with 10,000 words or less but, in any case, no mystery will be excluded from the jam because of its length.

I have game supports and extra material for my mystery. Do I have to count these things in the 10,000 words too?

My advice is to be nice to the other participants: if it can be read, count it in the 10,000 words.

Does the mystery have to be laid out?

No, it is sufficient to send it in text-only format, or formatted and not laid out. The purpose of the jam is to write the text of a mystery. Publishing a final version, playtested and formatted as it should be, is a very good goal, but I suggest you do it only when the mystery is really ready for publication.

I’d like to try to layout the mystery with the same graphics as the manual. Which fonts should I use?

Titles are in League Gothic (free), while text is in Century Expanded (paid). If you write on Google Drive, Oswald is a good alternative for titles, while Century Expanded is freely available. If you write with offline programs, you can freely download League Gothic, while Tex Gyre Schola (free) is a good alternative for text.

The titles are in League Gothic (free), while the text is in Century Expanded (paid). If you write on Google Drive, Oswald is a good alternative for the titles and Century Schoolbook for the text.

After the jam, until the end of June, I can rate and comment on the mysteries of the other participants. In this way, don’t I risk to “spoiler them” and not be able to play them later?

In my opinion, participating in the jam also means reading, rating and commenting on the mysteries of the other participants. However, ratings and comments are open to all itch.io members (they also participate in the jam in this way), and not only to those who have sent a mystery. That said, reading, rating and commenting on other people’s mysteries is absolutely optional: if you think reading them will affect your experience as a player, don’t do it. I usually play as the Director, so I have no problem reading other people’s mysteries.

Where’s the cover picture of the jam coming from?

The cover picture is in the public domain. It is entitled Château de la reine Jeane and comes from Jean-Baptiste Isabey, Voyage en Italie, Paris, 1823, plate 25, and was found on Old Book Illustrations. The cover graphics were created by Antonio Amato.

* * *

🇮🇹

Dove posso comprare Cthulhu Dark, 2ª edizione?

Puoi comprare il gioco in formato cartaceo o digitale da Indie Press Revolution. Se abiti in Europa, puoi facilmente abbattere i costi di spedizione comprando il gioco da Sphärenmeisters Spiele.

Mi piacerebbe partecipare, ma non so se avrò il tempo, la costanza o le competenze per farlo. Cosa mi consigli?

Premesso che partecipare alla jam non è un obbligo di legge e che dovresti farlo solo se ti senti a tuo agio, ti consiglio di aprire una discussione nella community e di chiedere se qualcun altro vorrebbe partecipare in squadra con te.

Posso cominciare a raccogliere idee e a scrivere il mistero da subito o devo aspettare l’inizio ufficiale della jam?

Se ti serve più tempo, comincia pure a lavorare da subito, ma potrai inviare il tuo mistero solo una volta che la jam sarà iniziata ufficialmente.

Ho un vecchio mistero scritto per la prima edizione di Cthulhu Dark, per un altro gioco sui Miti di Cthulhu o per un altro gioco di ruolo investigativo. Posso “convertirlo” e partecipare comunque alla jam?

Sì, basta seguire le procedure spiegate Cthulhu Dark, 2ª edizione, nelle sezioni “Writing a mystery” e “Rewriting the mystery” (pagine 27-39).

Il mistero deve essere ambientato in Italia, ma sono tenuto a usare un luogo realmente esistente o posso creare un luogo fittizio?

Puoi tranquillamente creare un luogo fittizio, fintanto che sia chiaramente situato in Italia.

Non avrò il tempo di tradurre il mistero in un’altra lingua. Posso partecipare con un mistero scritto solo in una lingua?

Sì. L’importante è che tu scriva il tuo mistero. Se la tua lingua è meno accessibile di altre non è importante: la mia intenzione è quella di abbattere le barriere che dicono alle persone che non sono in grado di scrivere misteri. Non voglio che la gente si senta addosso la pressione di partecipare in una lingua diversa dalla propria lingua madre, se non vuole.

Ho scritto un mistero con più di 10.000 parole. Sono fuori dalla jam o posso partecipare lo stesso?

Non c’è una regola sulla lunghezza dei misteri: il limite di 10.000 parole è un mio consiglio per non essere troppo prolissi. I quattro misteri presenti sul manuale di Cthulhu Dark misurano rispettivamente 6.890, 10.371, 7.330 e 7.307 parole. Sono sicuro che si possano scrivere senza problemi misteri intriganti con 10.000 parole o meno ma, in ogni caso, nessun mistero verrà escluso dalla jam per la sua lunghezza.

Ho dei supporti di gioco e del materiale extra per il mio mistero. Devo contare anche queste cose nelle 10.000 parole?

Il mio consiglio è quello di essere gentile con gli altri partecipanti: se può essere letto, contalo nelle 10.000 parole.

Il mistero deve essere obbligatoriamente impaginato?

No, è sufficiente inviarlo in formato di solo testo, o di testo formattato e non impaginato. Lo scopo della jam è quello di scrivere il testo di un mistero. Pubblicarne una versione definitiva, playtestata e impaginata come si deve, è un ottimo obiettivo, ma vi consiglio di farlo solo quando il mistero sarà davvero pronto per la pubblicazione.

Vorrei provare a impaginare il mistero con la stessa grafica del manuale. Quali caratteri devo usare?

I titoli sono in League Gothic (gratis), mentre il testo è in Century Expanded (a pagamento). Se scrivi su Google Drive, Oswald è una valida alternativa per i titoli, mentre Century Expanded è liberamente disponibile. Se scrivi con programmi offline, puoi scaricare liberamente League Gothic, mentre Tex Gyre Schola (gratis) è una valida alternativa per il testo.

Dopo la jam, fino alla fine di giugno, posso valutare e commentare i misteri dei partecipanti. In questo modo, non rischio di “spoilerarmeli” e di non poterli giocare più avanti?

Secondo me, partecipare alla jam vuol dire anche leggere, valutare e commentare i misteri degli altri partecipanti. Tuttavia, le valutazioni e i commenti sono aperti a tutti gli iscritti a itch.io (anche loro partecipano, in questo modo, alla jam), e non solo a chi ha inviato un mistero. Detto questo, leggere, valutare e commentare i misteri altrui è assolutamente opzionale: se credi che leggerli pregiudichi la tua esperienza di giocatore, non farlo. Io, di solito, gioco come Regista, per cui non ho problemi a leggere i misteri degli altri.

Da dove viene l’immagine di copertina della jam?

L’immagine di copertina è di pubblico dominio. Si intitola Château de la reine Jeane e proviene dall’opera Jean-Baptiste Isabey, Voyage en Italie, Parigi, 1823, tavola 25, ed è stata reperita su Old Book Illustrations. La grafica di copertina è stata realizzata da Antonio Amato.

(1 edit)

Cthulhu Dark Italia Jam 2021

🇬🇧 I simply wanted to warn you that the jam will be held again this year. The design and writing phase will last from 1 June to 1 August, while the rating phase will last until 1 September.

If you want to join the Cthulhu Dark Italia Jam 2021, you can go to the following link:

https://itch.io/jam/cthulhudarkitaliajam2021

🇮🇹 Vi volevo semplicemente avvisare che la jam si terrà anche quest’anno. La fase di ideazione e scrittura durerà dal 1° giugno al 1° agosto, mentre la fase di valutazione durerà fino 1° settembre.

Se volete unirvi alla Cthulhu Dark Italia Jam 2021, potete andare al seguente link:

https://itch.io/jam/cthulhudarkitaliajam2021

(2 edits)

🇬🇧 Guiltily, I let several months go by before I realised I should have written this post to draw out the sums of the jam.

What can I say? Thanks to this jam, a nice buzz has been created among my contacts and friends, but not only. For weeks I have been hearing different people talking about Cthulhu Dark and about participating in this jam. I even received a two-part interview from the very kind Giorgio Vingiani (you can read it here, in Italian: part 1, part 2).

It’s true: at the end of the day, “only” three of us participated. However, both Luigi and I admittedly tested our mystery several times. I am not aware of Simone’s testing work, but he too clearly worked very hard to write his mystery. In short, we were “only” three, but I appreciate having made this journey together.

In the end, with votes in hand, my mystery got more points, but the low number of votes and the fact that we were few participants contribute to give even more value to the often misquoted phrase “the important thing is not to win, but to participate”. In fact, this jam had only one goal: to push someone, even if it was just one person, to try to write a mystery for Cthulhu Dark set in Italy.

Cthulhu Dark doesn’t offer little work to those who want to write a mystery, and in fact, I’ve heard from many people who have started but, due to the short time available or frightened by the commitment required, in the end, they didn’t materialize anything. No big deal: if they want to, they’ll have a chance to make up for it in the 2021 edition.

✱ ✱ ✱

🇮🇹 Colpevolmente, ho lasciato passare diversi mesi prima di accorgermi che avrei dovuto scrivere questo post per tirare le somme della jam.

Che dire? Grazie a questa jam, si è riuscito a creare un bel fermento tra i miei contatti e i miei amici, ma non solo. Per settimane ho sentito diverse persone parlare di Cthulhu Dark e di partecipare a questa jam. Ho persino ricevuto un’intervista in due parti da parte del gentilissimo Giorgio Vingiani (potete leggerla qui: parte 1, parte 2).

È vero: a conti fatti, abbiamo partecipato “solo” in tre. Però, sia io sia Luigi abbiamo dichiaratamente collaudato il nostro mistero diverse volte. Non sono informato sul lavoro di collaudo di Simone, ma anche lui ha chiaramente lavorato molto bene per scrivere il suo mistero. Insomma, siamo stati “solo” tre, ma io apprezzo di aver fatto questo viaggio insieme.

Alla fine, voti alla mano, il mio mistero ha ottenuto più punti, ma il numero basso di voti e il fatto che fossimo pochi partecipanti contribuisce a dare ancora più valore alla frase, spesso citata a sproposito, «l’importante non è vincere, ma partecipare». Infatti, questa jam aveva un solo obiettivo: spingere qualcuno, fosse anche una sola persona, a cimentarsi a scrivere un mistero per Cthulhu Dark ambientato in Italia.

Cthulhu Dark non prospetta poco lavoro a chi voglia scrivere un mistero, e infatti ho sentito molti che hanno iniziato ma che, per il poco tempo disponibile o spaventati dall’impegno richiesto, alla fine non hanno concretizzato nulla. Poco male: se vorranno, avranno modo di rifarsi nell’edizione 2021.

Sarà decisamente più complesso.

Non mi sento di smentirti. 😂

(1 edit)

Vi volevo solo dire che avrei votato anche io per Terrori & Trattori, ma che non ho potuto perché il sondaggio era in un gruppo Facebook al quale non sono iscritto. 😂

Now it works. Thanks.

Thanks for your effort!

I’ve also reported it through the Feedback utility.

Grazie mille!

Non nascondo che tutte queste parole di apprezzamento mi causano un certo imbarazzo. Però mi fanno anche piacere. Vedremo se riuscirò a tirarne fuori una versione migliore.

Ok, allora scusa per l’intrusione. Se vuoi cancello il commento. 😉

Albi, non è più possibile comprare il tuo gioco. È una cosa accaduta di proposito?

Sono felice di esserti stato utile. 😉

Figurati! Per me è sempre un piacere ragionare e spiegare la genesi dei miei progetti creativi.

(1 edit)

Grazie mille per la gentilezza delle tue parole!

È più o meno andata così. Antonio mi aveva avvisato della volontà di fare questa jam con largo anticipo. Lì per lì, mi ero detto: “Sarebbe carino fare qualcosa sul gioco di parole della gassa d’amante”. Devi sapere che, quando ero alle elementari, ero nei lupetti. Un amico di famiglia mi aveva regalato il Manuale di sopravvivenza di John Wiseman, edito da Vallardi. Lo leggevo in ogni dove: è stato grazie a quello che mi sono appassionato di un sacco di cose relative alla sopravvivenza.

Dopo l’inizio della jam, però, non ho fatto niente. Leonardo Lucci mi aveva chiesto di rileggere un paio di volte la sua meccanica e, così, la notte prima della scadenza, mi sono detto: “Sei un pirla! Alla fine non hai fatto niente”. Ti stupirai di sapere che, però, non mi ricordavo come si facesse una gassa d’amante. Allora mi sono messo a spulciare internet e a lavorare al design di una meccanica al volo.

Sono andato a vedere come si faceva una gassa d’amante. Ho trovato su YouTube un video che usava la metafora del serpente. Prima crei la tana, poi il serpente esce dalla tana, gira intorno all’albero e torna nella tana. Ho pensato: “Ma questa è già una storia!”

Però la gassa d’amante è un nodo di base dei marinai. Allora collego i pezzi: nodo, marinaio, amante, storia del serpente. Ed ecco che esce quello che hai visto qui.

Per dirla tutta, non sono per niente soddisfatto del risultato. Tra ricerca, ideazione, scrittura, impaginazione, creazione della pagina, ci ho messo un’ora a consegnare. È pochissimo! E si vede. Il design è molto minimale e, alla fine, più che raccontartela non fai.

Spero che qualcuno possa prendere questa meccanica e renderla migliore.

For the past two days, I have been trying to upload images attached to a devlog. I already have the entry written down, but when I go to Add Attachment > Upload image > Select images, I can choose the image to upload, but then nothing happens.

I specify that this happens only for devlogs.

I think there is a problem of some kind.


(1 edit)

Assolutamente. L’altro giorno un amico mi accusava di amare solo i giochi molto focalizzati. Ma dico: io sono lo stesso che ha scritto Tirnath-en-Êl Annûn e che adora Sagas of the Icelanders. I giochi brevi e focalizzati sono delle poesie, dei racconti brevi; i giochi grossi e lunghi sono dei romanzi. Scrivere poesie o racconti brevi non è più facile di scrivere un romanzo, ma di sicuro richiede meno tempo. Uno deve capire perché scrivo soprattutto giochi brevi e focalizzati, e non dare per scontato che non possa scrivere anche giochi lungi ed estesi. È solo una questione di tempo e risorse.

E mi fa molto piacere sapere che lo state per pubblicare.

(2 edits)

Sì, ma aggiungo che un gioco che parla di tutto è un gioco che non parla di niente. Per me i giochi possono avere obiettivi esperienziali molto ampi, ma non possono davvero parlare di tutto. Altrimenti a qualcuno toccherà, per forza di cose, restringere il campo a una dimensione praticabile, attraverso il play design. Che è un modo che gli ideatori di giochi hanno per pubblicare giochi incompleti dicendoti che tanto “ci giochi come vuoi”. Per vendere un non lavoro, insomma. Per me non è etico.

P.S. Ci tenevo a dirvi che mi piace un sacco il vostro logo. Voglio vederlo su dei giochi finiti. 😉

Ho capito. Mi fa piacere di aver contribuito alla tua riflessione. 😉

(1 edit)

Cosa intendi quando dici: «scrivere una regola per tutto credo sia un fallimento del game design»? Sto cercando di recuperare il discorso che abbiamo fatto per capire meglio il tuo discorso attuale.

Complimenti per il gioco e per l’impegno, sia di design che umano. 😉

Excellent initiative! If I can, I will gladly participate.

Sei solo un sovranista dei post internettiani.

In genere, Antonio fa sempre scelte molto eleganti. A volte è troppo classico, per i miei gusti, ma non scade mai nel cattivo gusto.

(1 edit)

Ma potevi postare sotto di me. Spammone! 😂

Un breve commento, forse poco utile, per dire che sono molto curioso di vedere come questo progetto si svilupperà. Nel frattempo, ti dico che mi piace molto la grafica del prologo e apprezzo anche molto la scelta dei colori e dei caratteri.

Grazie per la condivisione. Credo che il vostro sia il primo set di frammenti di memoria “fatto dai fan” di pubblico dominio. Congratulazioni! 😂

(1 edit)

🇮🇹 Italian review:

I’m Sorry Did You Say Street Magic è un gioco di Caro Asercion, il cui sviluppo è iniziato nel 2019 e si è concluso con la pubblicazione, nel 2020, grazie a una campagna di successo su Kickstarter.

Si tratta di un gioco di narrazione e di creazione di mappe con elementi di gioco di ruolo, che nasce come hack di Miscroscope (Ben Robbins, 2011). Sono previsti da 2 a 6 partecipanti; le partite durano solitamente una sessione, ma è possibile giocare per più sessioni; le autorità narrative sono ripartite equamente tra tutti i giocatori.

In particolare, I’m Sorry Did You Say Street Magic è un gioco di creazione di città. Questo significa che i partecipanti daranno vita a una città fantastica, partendo da una lista di tre ispirazioni ed elementi condivisi, decisi all’inizio della partita. Oltre a questo, all’inizio, si stabiliscono anche alcuni quartieri e luoghi per non cominciare a giocare su un castrante tavolo bianco.

È previsto che ogni giocatore, a turno, stabilisca una “bussola”: qualcosa da esplorare in quel determinato turno di gioco. Ogni giocatore ha tre tipi di azione: può introdurre un nuovo quartiere, un nuovo luogo o una nuova personalità. I luoghi sono sempre legati ai quartieri e le personalità ai luoghi. Le personalità vengono introdotte tramite delle brevi scene, giocate da tutti in concerto.

Ogni elemento della città è rappresentato da un cartoncino sul tavolo di gioco, e i cartoncini si raccolgono tra loro, per quartiere, attorno al nucleo della città. Ma la rappresentazione della città sul tavolo di gioco avviene non tanto per continuità geografica esatta, quanto piuttosto per associazione di idee.

I’m Sorry Did You Say Street Magic strizza volutamente l’occhio al concetto di geomanzia, che sia il feng shui cinese, l’etrusca disciplina o qualunque altra forma di magia legata alla terra, e lo fa in maniera evocativa. Il concetto di creazione magica è rinforzato anche dal fatto che ogni elemento riceva una sensazione o un dettaglio come “vero nome”.


1° playtest (2020-12-27)

  • Greta Bellagamba;
  • Daniele Di Rubbo.

Ricordi bene. 😉

Hai corretto anche l’errore che avevamo pescato durante la nostra partita?

Uno spunto interessante, che mi sento di lasciare ad Antonio.

Da parte mia dico solo che l’esperienza di gioco deve essere funzionale. Sebbene abbia senso lasciare la gente appesa, mi chiedo se non sia una forza troppo centrifuga rispetto alla giocata fatta al prezzo di “rimanere più fedeli”. Insomma: magari è una cosa bellissima, che ricalca esattamente quello che succedeva, ma se ci fa perdere voglia di giocare, distanziando ulteriormente le lettere, non so se implementarla è funzionale. Penso che ricevere una lettera vuota dopo settimane di attesa sia già abbastanza frustrante e comunichi comunque all’altro giocatore: è passato un sacco di tempo senza che nessuno ti abbia scritto.

La fortuna è che non devo decidere io come gestire queste cose.